Voci di stima per il calcolo di una rendita di un immobile "supermercato"

Gentile geom. Capuzzo e geom.Pettenazzo,

in riferimento al “corso 209 - Il Catasto Fabbricati e la procedura Docfa” con la presente sono a chiedere quali sono le voci di stima per il calcolo di una rendita di un immobile “supermercato” in categoria D/8.

Allego un esempio del mod. 2NB di una stima di un supermercato.

Ringrazio per la cortese disposizione e porgo cordiali saluti

Geom. Nichele Arianna

Gentile Collega,
la circolare del’'Agenzia delle Entrate n. 2/E del 2016, cosiddetta degli “Imbullonati”, definisce in modo preciso ciò che va considerato per la valutazione degli immobili in categoria “D” che produce poi la loro rendita catastale. In primo luogo, trattandosi di un D/8 non lo definirei a priori un “supermercato”: si tratta di un mero capannone commerciale, che potrebbe ospitare anche un altro tipo di grande negozio. Secondo punto: i valori da considerare sono quelli del periodo censuario riferito al 1989: i valori da te esposti appaiono decisamente superiori. Terzo: vanno sostanzialmente considerati soltanto tre elementi: il suolo -eventualmente suddiviso tra zone verdi e zone pavimentate-, il fabbricato, gli eventuali “imbullonati”, però solo se rientranti in quelli previsti dalla detta circolare. Quindi, per concludere, la tua valutazione va sensibilmente sfoltita e ridotta ai punti indicati.
Sperando di essere stato sufficientemente esauriente, ti saluto cordialmente e ti auguro buon lavoro.
Pierluigi Capuzzo