Testamento Olografo

Buongiorno,
Sono alle prese con una Denuncia di Successione Testamentaria. Premetto che il de cuius è vedovo e con due figli. Il testamento, olografo, appare particolare. Il de cuius lo scrive in stampatello, lo data e la firma è nome e cognome in stampatello. Probabilmente, considerando l’età, è comprensibile. Quello che mi preoccupa invece è che lascia, (sue testuali parole), alla figlia la quota legittima e la disponibile pari a 2/3 del suo patrimonio e al nipote (figlio del figlio) la quota legittima pari a 1/3. del suo patrimonio.
Ora volevo chiedere: è corretto interpretare che al nipote lascia la quota spettante invece al padre (che non si oppone assolutamente al volere del de cuius) e, tale testamento, è pubblicabile? O è da ritenersi nullo? Ribadisco che il figlio vuole rispettare in tutto le volontà del padre.
Franca

Penso che possa essere valida se è un manoscritto e se il decuius firmava spesso in stampatello ma su questo ho dei dubbi.
io la farei vedere ad un notaio dato che è lui che deve pubblicare il testamento
In ogni caso ho dei dubbi sul corretto lascito dato che ali figli spetta la legittima 2/3 della legittima e 1/3 della disponibile a chiunque voglia il decuius.
In ogni caso il figlio potrebbe rinunciare alla successione a favore della sorella.

Scusi Walter Lange,
forse mi sono espressa male, anzi sicuramente. Il de cuius ha lasciato la legittima e la disponibile (per un totale di 2/3) alla sua figlia. La quota di 1/3 della legittima al nipote (figlio del figlio del de cuius).
Franca

Il testamento, anche laddove nullo, può essere pubblicato ed eseguito. Sarebbe interesse del figlio diseredato eventualmente contestarne la nullità in tribunale (lamentando lo stampatello ma con una eventuale prova calligrafica si potrebbe comunque dimostrare in causa la autografia, necessaria a pena di nullità. Il testamento peraltro potrebbe anche essere annullabile se privo di data ).
Nel caso concreto se i due figli sono d’accordo (a volte succede che un discendente venga diseredato perché magari ha lui dei creditori che gli mangerebbero l’eredità o comuqnue e’ d’accordo con il testatore per altri motivi) possono tranquillamente dare effetto al testamento ed è Presumibile che nessun altro agirà per la dichiarazione di nullità (azione che però spetta a chiunque dimostri di avervi interesse)