Corso 335 - Superbonus casi pratici - SCRIVETE QUI LE VOSTRE DOMANDE

Ciao a tutti,
questo topic è dedicato alle domande poste dagli iscritti al corso in oggetto. Pertanto, se siete iscritti a questo corso e avete dei quesiti che desiderate formulare al docente, scriveteli qui cliccando il bottone Rispondi che trovate alla fine dei messaggi già presenti. Il docente terrà monitorato questo topic e potrà così rispondervi durante le lezioni del corso stesso.
Qui in calce riporto le domande già pervenute durante i recenti seminari online sul tema.
Resto a disposizione per eventuali altre informazioni.

geom. Gianni Rossi
Responsabile corsi online del Collegio Geometri e G.L. di Padova
cell. 3202896417
Email: gianni.rossi@corsigeometri.it
www.corsigeometri.it
www.topgeometri.it

Nome/cognome Domanda
Alessandro Lipparini Non so se è una domanda attinente al seminiario odierno, ma l’asseverazione finale se l’asseveratore non è in possesso dei qualificazione di certificatore energetico, dal profilo assicurativo può essere un requisito mancante ed obligatorio per procedere con l’asseverazione. Tale quesito avviene perchè inserendo i dati del termotecnico (in caso di errori) il responsabile sarebbe l’asseverazione che non si potrebbe rivalersi sul termotecnico non avendo l’assicurazione specifica per il 110.
Andrea Tamburini Un fabbricato rurale privo di riscaldamento e atualmente non abitato, può usufruire del 110%
Antonio Grassetti Nel caso di unico proprietario di un edificio con quattro abitazioni, le pertinenze che peso hanno?
Claudio Belisari In alcuni corsi non è stato chiarito se una casetta a due piani con caminetto tradizionale al piano terra possa usufruire di superecobonus per tutto (cappotto) o solo per il piano terra o addirittura solo per una stanza?
Claudio Girolametti E’ possibile ottenere il sismabonus su un garage trasformato in abitazione ed adeguato sismicamente? Grazie
Emilio Di Ionna Se una vecchia abitazione per il riscaldamento è dotata solamente di un caminetto a legna, si può accedere al superbonus?

Francesca Badagliacca Buongiorno, si può aderire al Ecobonus quando l’impianto termico è costituito da un Camino a legna, costruzione all’incirca 1978/80
Gastone Piasentin Buongiorno, come devono essere suddivise le spese tecniche nel calcolo dei massimali? Grazie
Graziano Gazzea E’ POSSIBILE APPLICARE IL SUPERBONUS SU UN INTERVENTO DI DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE CON SPOSTAMENTO DI SEDIME DI 200 M (RISTRUTTURAZIONE)
Maria Andreano Buonasera, nel caso di una demoricostruzione con delocalizzazione si può procedere con un aumento di volume da considerare all’interno del sismabonus 110
Paolo Biondini Buongiorno con il Sismabonus è possibile assoggettare la ricostruzione di un muro in c.a. pericolante che può causare danno in caso di cedimento alla costruzione?
Roberto Tintori Tra un computo fatto con il DEI e il prezziario regionale, cosa mi consigliate usare?le differenze sono molte in termini di prezzo?
Anna Grego Il problema è quantificare bene la parcella visto che son state tolte le tariffe professionali. So che esula da argomento ma anche questo è fondamentale visto che molti lavorano a ribasso.
Michele Cautillo Per lavori rientranti nel Superbonus, sono previsti 3 stati di avanzamento, al 30%, al 60% e al saldo. In tali occasioni il Professionista emette le relative parcelle in merito alle proprie prestazioni. Tali parcelle possono essere cedute, come credito d’imposta, ad un’Assicurazione? Se sì, il soggetto che si accolla il credito di imposta effettuerà un Bonifico corrispondente alla parcella del Professionista sull’IBAN di quest’ultimo?
Michele cautillo In pratica come è possibile suddividere l’importo delle prestazioni professionali (progettazione e direzione lavori) in base ai lavori eseguiti in parte con il 110% e in parte con il 50% ? Grazie.

La mia domanda è inerente all’attività professionale che è normalmente richiesta per poter aderire richieste di prestazioni di cui all’oggetto:
Caso di edificio unifamigliare:
1_Edificio da operare sanatoria presso Comune e/o Sovrintendenza;
a_Le prestazioni professionali iniziano anche molto prima della presentazione ufficiale, causa . necessità di ottenere l’Autorizzazione edilizia;
Le attività iniziano con rilievi, progettazione, esecutivi, anche necessari per giungere alla . . … … . certezza di calcolo corretto dell’APE che garantisca il salto di 2 Classi energetiche o … … .c … Sismiche;
2_La eventuale Sanatoria rientra nelle prestazioni deducibili da parte del cliente?
Dette attività normalmente prevedono erogazione di acconti per non appesantire il bilancio dello Studio Tecnico, come fare di fronte alla richiesta del cliente che chiede di poter inserire tale onere anticipato nel Credito che non è ancora stato ottenuto proprio per mancanza dell’Asseverazione che è diretta conseguenza della corretta progettazione?
Come impostare eventuali fatture emesse prima dell’ottenimento del Credito al fine di poterle inserire dopo che la prestazione è stata pagata anticipatamente o durante l’iter progettuale?
Grazie per chiarimenti nel merito.

Riporto un caso con cessione del credito : tassativamente, l’eventuale sanatoria per mettere conforme il fabbricato con le norme urbanistiche è onere in carico al committente, che va fatturata secondo gli accordi intrapresi tra tecnico e committente. Quindi non deducibile! Poi si effettua l’ape pre e post e l’eventuale pratica che verrà predisposta per operare sul suber bonus 110% ( CILA o SCIA ) può essere benissimo messa in conto e deducibile tramite cessione del credito.
In parole povere, si può fare prima una valutazione sommaria del salto delle due classi, se si hanno si prepara la sanatoria, ottenuta la sanatoria si procede ad eseguire la pratica per il superbonus

espongo un caso pratico:
Demolizione e ricostruzione (quindi ristrutturazione) di due unità immobiliari originarie C/2 per formare una abitazione e una autorimessa …(quindi cambio d’uso e formazione di due unità immobiliari).
Attualmente le due unità immobiliari sono sprovviste di impianti (quindi no ecobonus 110%) … o sì forse
Si al sismabonus 110% …perchè zona sismica 3
E’ corretto ragionare su un massimale di spesa di 192.000 (96.000x2) e quali opere nello specifico posso computare nel preventivo di spesa per la ricostruzione del fabbricato… nel sismabonus ???

Sismabonus 110% su pertinenza C/2, in pietra, a fine lavori rimarrà sempre C/2.
Essendo prevista la ricostruzione del fabbricato in cemento armato, quali interventi possono essere considerati di completamento dell’opera ovvero interventi accessori collegati?
In particolare le tamponature della nuova struttura in cemento armato (presumibilmente in blocchi tipo “poroton”), la realizzazione di gronde, pluviali di rame e manto di copertura in cotto e il successivo rivestimento di tutte le facciate esterne in pietra, possibilmente recuperando i materiali derivati dalla demolizione.
Inoltre, essendo la pertinenza un locale di deposito, è possibile lasciarla internamente al grezzo oppure deve per forza essere ultimata?

Buonasera colleghi, vi chiedo un aiuto a sviscerare questa questione.
In un condominio, costituito da 15 unità immobiliari (9 appartamenti e 6 garage), si è deciso di aderire al Superbonus 110%, mediante interventi di isolamento termico dell’involucro edilizio esterno. I lavori consisteranno nella realizzazione del cappotto isolante su tutte le superfici verticali opache, la coibentazione della copertura piana e la sostituzione degli infissi di tutte le unità riscaldate. La copertura piana esistente, per metà è destinata a terrazzo, mentre la restante parte, risulta essere ricoperta da lastre in cemento-amianto. Nelle opere propedeutiche alla realizzazione dell’isolamento della copertura, si può ritenere compresa anche la spesa per la rimozione e smaltimento delle lastre in cemento-amianto? Se si, l’importo da sostenere per la rimozione e smaltimento delle lastre in cemento-amianto, deve essere compreso all’interno dell’importo complessivo di spesa indicato dalla normativa di € 40.000 x 8 unità + € 30.000 x 7 unità = per un totale di € 530.000,00?

Salve colleghi, avrei dei dubbi che magari potete aiutarmi a scogliere: usufruendo del sima-eco in una demolizione e ricostruzione, dovendo poi obbligatoriamente realizzare un edificio ENZEB; Secondo voi si riesce a realizzare un opera del genere non superando il limiti di spesa per l’ involucro e impianti?..Cioe’ presumo che dovrei dimostrare che ho speso 50.000 euro per tamponature, infissi, cappotto e 30000 per gli impianti?

E ancora, nel caso la demolizione e ricostruzione vada ad ampliare un fabbricato esistente, dovro’ dimostrare che la cubatura destinata all’ ampliamento sia ENZEB, o dovrei rendere il fabbricato in toto ENZEB?

Grazie a chi vorrà aiutarmi!

Salve a tutti, vorrei sapere se un immobile costruito con concessione edilizia del 2020 e ultimato nel 2021 con classe energetica C, può usufruire del superbonus per poter arrivare in classe A…??? Ringrazio anticipatamente chi vorrà aiutarmi.

Buongiorno! Vorrei sapere se con una pratica relativa al superbonus è possibile effettuare dei pagamenti in acconto prima dell’inizio lavori.
Grazie a chi mi risponde e chiarisce il quesito.

Buongiorno,
ho un dubbio sul computo metrico: nel portale Enea che computo va caricato per l’asseverazione?
Un computo fatto con le voci da prezzario (regionale o DEI) ma con gli importi dell’offerta dell’impresa?
Nella nota di chiarimento dell’ENEA è precisato che l’importo totale del computo deve corrispondere all’importo totale delle fatture a fine lavori, che il computo deve essere redatto specificando per ciascuna voce il prezzario preso a riferimento e che i prezzi contenuti nei prezzari non sono quelli da applicare ma sono quelli massimi applicabili.
Non capisco come devo procedere. Allo stato attuale sto procedendo in questo modo: sto redigendo il computo con il prezzario e poi la ditta mi fa un preventivo sulle voci da prezzario; ma come è meglio e come devo procedere? Grazie.

Buongiorno, scusa ma io non trovo la risposta alla tua domanda. Ho un caso simile. Ho 2 C2, vorrei usufruire del sismabonus per entrambe che poi diventeranno un’unica abitazione. A queso sismabonus poi vorrei collegare i pannelli fotovoltaici con superbonus. E’ possibile e se si come. Nel senso che al termine dei lavori per usufruire del 110 sui pannelli devo fare asseverazione ? Molto dubbiosa

Ciao Paola e Fabio,
probabilmente non avete letto con attenzione questa premessa nel mio post iniziale

Le risposte verranno quindi date al corso, non qui.

geom. Gianni Rossi
Responsabile corsi online del Collegio Geometri e G.L. di Padova
cell. 3202896417
Email: gianni.rossi@corsigeometri.it
www.corsigeometri.it
www.topgeometri.it

L’intervento prevede la demolizione di fabbricato pericolante accatastato A3 e ricostruzione con piano casa, inquadrabile come ristrutturazione edilizia in zona sismica 4. La demolizione è stata iniziata nel 2014 con SCIA e la ricostruzione è ancora da iniziare, è stata approvata con permesso di costruire nel 2021. Sarà possibile accedere al suberbonus110? Il fabbricato esistente attualmente è demolito (ma ancora accatastato) e per dimostrare che l’edificio era dotato di impianto di riscaldamento ci sono fotografie delle canne fumarie essendo un vecchio edificio riscaldato con stufe e caminetti, per cui diventa difficile fare la verifica del miglioramento delle 2 classi energetiche. E’ possibile considerare l’edificio demolito come collabente in quanto era effettivamente non agibile (anche se non accatastato F2) e con la ricostruzione raggiungere la classe energetica A1?

ne approfitto per porre un quesito che, purtroppo, nessuno è riuscito a chiarirmi con certezza. Forse devo porlo all’ENEA?

Il chiarimento di cui ho bisogno si riferisce ad un mio cliente che vorrebbe usufruire del SISMABONUS per il rifacimento della struttura portante del tetto (grossa orditura in lamellare).

Specifico che il sottotetto è abitabile, quindi può usufruire del SUPERBONUS per la coibentazione e quant’altro.

Il problema è il SISMABONUS, perché alcuni mi dicono che essendoci un permesso di costruire datato Novembre 2019 (oh i lavori non sono ancora stati eseguiti) non si può fare se non chiudendo il permesso di costruire per aprirne un altro. Personalmente ritengo sia una sciocchezza ……… PERO’ !!!

Grazie per l’interessamento

  • Interventi su edifici composti da due a quattro unità immobiliari distintamente accatastate posseduti da un unico proprietario;
  1. Edificio composto da 2 unità immobiliari collabenti cat. F/2 distintamente accatastate posseduto da un unico proprietario soggetto ad intervento di demolizione e ricostruzione che a fine lavori diventerà unica abitazione.

Domanda: è esatto inquadrarlo come edificio composto da 2 a 4 u.i. di unico proprietario e quindi con scadenza “superbonus 110” al 2023 ?;

l fabbricato è diviso da cielo a terra. Le singole unità originariamente erano intestate a due distinti proprietari che poi sono diventati coniugi. Le unità, quindi l’intero edificio, sono pervenute al figlio mediante donazione. Si intende intervenire con demolizione e ricostruzione accorpando, a fine lavori, le due unità in un unica abitazione.

Ciao Consiglio,
per le domande tecniche in materia di bonus edilizi utilizziamo il forum di www.topgeometri.it, per cui ti invito a riportare lì questo tuo messaggio, seguendo queste indicazioni: vai sul sito www.topgeometri.it e:

  • se non sei ancora registrato, registrati con l’opzione Accedi del menù in alto a destra;
  • se invece sei già registrato attiva l’opzione Login del menù e inserisci le tue credenziali.
  • poi, sempre dal menù, attiva l’opzione Forum, seleziona la categoria Edilizia e l’argomento Domande poste al seminario Superbonus e altri bonus - agg. normative del 02/02/2022;
  • scendi fino a fine pagina, clicca il bottone blu Rispondi e scrivi il tuo mesaggio.

A presto.

geom. Gianni Rossi
Responsabile corsi online del Collegio Geometri e G.L. di Padova
cell. 3202896417
Email: gianni.rossi@corsigeometri.it
www.corsigeometri.it
www.topgeometri.it

Francesco_Bilotta
SUPERBONUS 110- Sembra che lo stato per il tramite dell’ADER voglia dare a tutti
una somma intorno a 100.000 Euro , il che è proprio inprobabile.
Considerato, che trattasi di incentivi dallo Stato e quindi occorre affrontare un iter
burocratico non indifferente con la presenza di molti elaborati sia tecnici che
amminitrativi con la presentazione dei vari SAL, si chiede di voler dare la giusta importanza alla cessione comunque esso sia del credito d’imposta.
CREDITO D ‘IMPOSTA-SCONTO IN FATTURA-CESSIONE ALLA BANCA
Si chiede di voler dare sul punto piu’ importante di tutta la faccenda, perchè e vero
che si tratta del 110 % , ma riferito all’irperf lordo di ognuno,pertanto se l’irpef lorda è
10.000 Euro il 110% deve essere calcolato o su 40.000 o su 50.000 euro e di conseguenza si predispone un computo metrico di tali importi,si prega di vole fare
chiarezza su questo aspetto per evitare che se non paga pantalone i cittadini
interessati si vedano chiedere il rimborso dell’eccedenza seguito controlli.

Ciao Francesco,
come avevo scritto nel mio post qui sopra, subito prima del tuo, per i commenti tecnici in materia di bonus edilizi utilizziamo il forum di www.topgeometri.it , per cui ti invito a riportare lì questo tuo messaggio, seguendo le indicazioni che trovi nel post suddetto.
Grazie.