Accatastamento antenne telefonia mobile

Buongiorno ai colleghi relatori
in merito alla necessita di accatastamento delle antenne di telefonia mobile che voi asserite nella lezione essere obbligatorio in categoria D/1, vi segnalo che ai sensi della Circolare 18/E dell’8 giugno 2017, questa tipologia di impianti sono espressamente esclusi dall’obbligo di accatastamento che può essere comunque eseguito facoltativamente per motivi civilistici nella categoria F/7 appositamente creata allo scopo, senza attribuzione di rendita catastale. Non mi risulta ci siano disposizioni successive che stabiliscano diversamente.

Buongiorno a tutti
Ringraziamo il collega Roberto per la segnalazione riportata nel forum confermando che, effettivamente, la vigente normativa prevede l’accatastamento in categoria F/7 delle “infrastrutture” per gli impianti di telefonia mobile; tra l’altro la norma specifica che oltre alle strutture che consentono fisicamente la realizzazione della rete (tubature, piloni, cavidotti, pozzi di ispezione, pozzetti, antenne, tralicci e pali), siano considerate infrastrutture anche centraline, edifici o accessi a edifici, purchè “strettamente funzionali alla rete di comunicazione”.